Fundrising con i progetti

//Fundrising con i progetti

Fundrising con i progetti

Come può ottenere fondi un’organizzazione non profit?

Uno dei modi consiste nel motivare le persone a effettuare delle donazioni. La principale fonte di motivazione è rappresentata dalla condivisione di valori e finalità. Si tratta insomma di “donare per la causa”. In questo caso è necessario comunicare bene come si contribuisce alla causa. Con quali attività, ottenendo quali risultati. Ciò porta all’organizzaizone non profit un “vantaggio competitivo”. Ovvero le permette di essere notata e preferita tra le altre organizzazioni simili.

Un altro modo si basa invece sulla richiesta di fondi finalizzata alla realizzazione di progetti concreti. Naturalmente la condivisione di valori e finalità rimane il pre-requisito fondamentale.

Per raggiungere un obiettivo specifico l’organizzazione ha bisogno di fondi. Dato che l’obiettivo è specifico, i fondi necessari per raggiungerlo sono quantificabili.

Quindi: obiettivo – progetto per raggiungerlo – fondi necessari.

L’organizzazione non profit prepara il progetto che vuole portare avanti per raggiungere l’obiettivo. Poi lo comunica in modo chiaro. In modo altrettanto chiaro comunica la cifra complessiva di cui ha bisogno. Questo comporta il comunicare in modo esatto come tale cifra verrà impiegata. Per l’acquisto di un particolare macchinario, il progetto descriverà tale macchinario. Quindi spiegherà la sua utilità per l’organizzazione. La cifra complessiva consisterà nel costo del macchinario stesso. Abbiamo bisogno di un pullmino per il trasporto di persone, il pullmino costa tot, fine. In questo caso la cifra è una sola e consiste, appunto, nel costo dell’oggetto.
Per la creazione e la gestione di un laboratorio d’informatica, il progetto sarà più articolato. La cifra complessiva si comporrà di varie cifre parziali. Tra cui: costo computer, stampanti, eventuale operatore ecc.

I modi per raccogliere fondi per un progetto interno sono:

  • Vendere oggetti e/o materiale informativo. Invece della vendita si può anche proporre una donazione spontanea. Gli oggetti possono essere di vario tipo. Realizzati dalle persone che a vario titolo operano all’interno dell’organizzazione. Oggetti usati (libri, antiquariato ecc). Anche il materiale informativo può avere varie forme. Carta: dagli opuscoli a libri veri e propri. Multimedia: cd, dvd, file su chiavetta ecc.
  • Presentare il progetto e la richiesta di sovvenzionamento sul sito e/o sul blog dell’organizzazione. Pay Pal mette a disposizione pulsanti personalizzabili per la raccolta di fondi attraverso il web. Attenzione però: non è sufficiente inserire un pulsante di questo tipo per ottenere donazioni. Occorre un’accurata, metodica e mirata campagna di comunicazione.
  • Promuovere il progetto e la raccolta fondi attraverso i social media. Non solo quelli dell’organizzazione non profit. Anche quelli dei suoi membri e dei suoi sostenitori (almeno di alcuni). Tra i social network devono esserci: Facebook, Twitter e YouTube. Facebook per una presentazione esauriente e convincente del progetto. Twitter per aggiornamenti e informazioni in tempo reale. YouTube, per una presentazione e diffusione video del progetto.
  • Organizzare eventi, anche di piccole dimensioni. Mostre (foto, quadri, disegni proiezione video di vario tipo). Incontri e/o dibattiti, convegni e/o conferenze, spettacoli di vario tipo.

Presentare il progetto su piattaforme di crowdfunding. “Il crowd funding o crowdfunding (dall’inglese crowd, folla e funding, finanziamento) è un processo collaborativo di un gruppo di persone che utilizza il proprio denaro in comune per sostenere gli sforzi di persone ed organizzazioni. È un processo di finanziamento dal basso che mobilita persone e risorse. […]

Il web è solitamente la piattaforma che permette l’incontro e la collaborazione dei soggetti coinvolti in un progetto di crowd funding.” [fonte: Wikimedia, http://it.wikipedia.org/wiki/Crowd_funding].

2017-10-27T09:36:13+00:00By |Sociale ed Educazione|

About the Author:

Lavoro ai confini tra sociale, formazione e multimediale, esplorando sempre nuove terre

Leave A Comment